Istruzioni di installazione per la versione 0.3.0

ATTENZIONE: QUESTA PAGINA CONTIENE LE ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE DELLA VECCHIA VERSIONE 0.3.0.
Le istruzioni per l'ultima versione si trovano qui

Linux

Installare da sorgenti

Prima dell'installazione, assicuratevi di avere correttamente installati gli headers di GIMP (a anche il perl XML parser e gettext).

Una volta che avete tutti i pacchetti necessari, estraete il file che avete scaricato:

tar -vxzf gimp-lqr-plugin_X.Y.Z-T.tar.gz

dove avrete sustituito la versione appropriata al posto di X.Y.Z-T.
Questo creerà una directory chiamata gimp-lqr-plugin_X.Y.Z, entrateci e immettete:
./configure && make && sudo make install

L'ultimo comando richiede che si abbiano privilegi da amministratore sul proprio computer.

Questo è tutto. Troverete il plugin sotto il menu Livello al prossimo riavvio di GIMP.

Disinstallazione

È sufficiente rientrare nella directory da cui si è installato il plugin e immettere:

sudo make uninstall

Mac OS X

Installazione di GIMP e delle dipendenze

Per installare il plugin Liquid Rescale dovete installare Gimp.app dal sistema di distribuzione macports, inoltre dovete usare X11.app fornito con i CD di installazione di OS X (oppure XDarwin).

Ci sono due ragioni per questo:

  1. la distribuzione .dmg del progetto gimp.app non fornisce tutti gli header richiesti per la compilazione del plugin
  2. La versione Fink di GIMP è obsoleta e solo macports fornisce una versione compatibile con questo plugin.

Una volta installato macports, installate i port gimp e gimp-app:

sudo port install gimp gimp-app

Potrebbero verificarsi degli errori durante questo processo, per cui dovrete forzare l'attivazione dei port per perl:
sudo port activate -f p5-pathtools
sudo port activate -f p5-getopt-long

e riavviare l'installazione dei port di GIMP.

Compilazione e installazione del plugin

Potete ora compilare il plugin da sorgenti:

  • estraete l'archivio:
tar -vxzf gimp-lqr-plugin_X.Y.Z.tar.gz
  • entrate nella directory che avrà creato
  • dal terminale, date il comando:
./configure --prefix=/opt/local

Per la versione 0.3.0, può essere necessario modificare manualmente un file prima della compilazione. Aprite il file po/Makefile con un editor di testo, e cercate le linee (dovrebbero essere le linee dalla 47 alla 49):

GMSGFMT=
MSGFMT=
XGETTEXT= :

Sostituitele con:
GMSGFMT=/opt/local/bin/msgfmt
MSGFMT=/opt/local/bin/msgfmt
XGETTEXT=/opt/local/bin/xgettext

Quindi, compilate e installate:

make
sudo make install

Ora potete usare il plugin da /Applications/MacPorts/Gimp.app, dal menu Livello.

Windows

Installazione dall'archivio compresso

Avrete bisogno del gestore di archivi 7-Zip.

Estraete il file, assicurandovi di estrarne l'intera struttura delle directory, nella directory principale di GIMP, che si trova normalmente sotto C:\Programs\GIMP-X.Y, e troverete il plugin sotto il menu Livello al prossimo riavvio di GIMP.

Utenti di PortableApps

Se avete installato GIMP tramite PortableApps, avrete bisogno di un'installazione locale di GIMP 2.4, e delle nuove gtk-libs versione 2.10.3.0.

Se avete la vecchia versione 2.6.60, copiate le seguenti nuove librerie nel portable gtk:

  • libgimp-2.0.0.dll
  • libgmodule-2.0.0.dll
  • libgobject-2.0.0.dll
  • libgthread-2.0.0.dll

Fatto ciò, la procedura di installazione dovrebbe funzionare.

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License